Mondo Virtuale di Atom Egoyan (1989) ita

Una sceneggiatrice di cinema (G. Rose) e una cameriera d’albergo (A. Khanjian) s’innamorano di un bel maschio che si fa mantenere dalle donne e fa la comparsa in film d’andazzo. Canadese di origine armena, A. Egoyan (1960) riprende i temi dei suoi due primi film (il voyeurismo di schermi video attraverso i quali si tenta di comunicare sentimenti, l’ambiente chiuso di un albergo, gli ossessivi rapporti familiari) senza approfondirli. Rimane un esercizio di stile senza una vera tensione drammatica e morale nel rapporto triangolare.
Questa voce è stata pubblicata in video. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...