Szegénylegények “Fuorilegge” di Miklós Jancsó (1965)

Il Round-Up ( ungherese : Szegénylegények, “Fuorilegge”) è un 1965 film ungherese diretto da Miklós Jancsó . E ‘stato ben accolto nel suo paese d’origine, ed è stato il primo film del suo regista a ricevere riconoscimenti internazionali.

In seguito alla quelling di Lajos Kossuth s ‘ 1848 Revolution contro il dominio asburgico in Ungheria , campi di prigionia sono stati istituiti per le persone sospettate di essere sostenitori di Kossuth. Circa 20 anni più tardi, alcuni membri del bandito Sándor Rózsa banda di guerriglieri s ‘, che si ritiene essere una delle ultime sostenitori di Kossuth, sono noti per essere internato tra i prigionieri in un campo. Il personale del carcere cercano di identificare i ribelli e scoprire se Sándor è tra di loro utilizzando vari strumenti di tortura e di inganno mentale e fisica. Quando uno dei guerriglieri, János Gajdar, è identificato come un assassino da una vecchia, inizia aiutando i suoi carcerieri, agendo come un informatore. Gajdar viene detto che se riesce a mostrare i suoi rapitori un uomo che ha ucciso più persone di se stesso, sarà risparmiato. Temendo per la sua vita, si gira a diverse persone i suoi rapitori erano state cercando per nome, ma non ha potuto identificare tra i prigionieri.

Alla fine Gajdar diventa un reietto tra i prigionieri, e viene ucciso durante la notte da alcuni dei suoi compagni di cella, mentre in isolamento. Le guardie carcerarie scoprire facilmente sospetti, persone le cui cellule era stato lasciato sbloccato per la notte, e iniziano interrogarli con la speranza di trovare Sándor se stesso. I sospetti sono indotti a rivelare i rimanenti guerriglieri quando viene data loro la possibilità di formare una nuova unità militare di ex-banditi e informato che Sándor, che non era tra i prigionieri, è stato perdonato. Tuttavia, i guerriglieri che celebrano vengono poi detto che coloro che in precedenza combattuto sotto di lui, sarà ancora affrontare l’esecuzione.

Questa voce è stata pubblicata in video. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...