OperArt [work 85] – “The origin of the end” di Stéphanie Béliveau (Canada)

si ringrazia Barbara Picci per avere riportate queste parole:
“Il mio nuovo lavoro, mostra un cambiamento di atteggiamento verso la tragedia della condizione umana che è stato, fino ad ora, il focus della mia pratica. Dal momento che gli esseri umani continuano ad essere ostinatamente sordi alle grida di sofferenza di coloro che “vivono” intorno a loro, e dal momento che l’arte non è in grado di cambiare nulla, beh, non mi resta che accettarlo e guardare con i miei occhi spalancati mentre l’umanità precipita verso la sua estinzione. La mia natura troppo perspicace mi ha spinto a tale disperazione non ho avuto altra scelta che passare dall’altra parte della barricata, in un luogo dove il cinismo non è più possibile, dove la realtà è nuda e cruda può richiedere un vero atto di amore, dove, di fronte alla imminenza della morte, tutto si può fare è girare verso gli altri. “

Questa voce è stata pubblicata in polis. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...