“Boia d’un mondo”

L'AlTrO (lato)

Avete mai ascoltato
Geordie ? Un concentrato di romanticismo, rabbia e malinconia. Ciò che mi capita quando ascolto questa canzone è strano…strano nel senso che non smette. Ogni volta capita e ricapita come se fosse la prima volta. Allora penso che forse potrei essere stata quella donna sul London Bridge che piangeva d’amore per il suo giovanissimo Geordie condannato a morte. Forse mi immedesimo soltanto, ma tanto. Gli occhi si inondano già alla prima strofa e le lacrime scendono, incontrollabili. Mi domando perché e ripercorro i miei pensieri. Mi è inevitabile pensare a quanti Geordie sono passati nella storia ed a quante persone li hanno pianti, facendo il possibile affinché non fosse ma, come nella canzone, “né il cuore degli Inglesi, né lo scettro del re, Geordie potran salvare, rubò sei cervi nel parco del re, la legge non può cambiare“.
La vicenda pare che abbia un preciso fondamento…

View original post 465 altre parole

Questa voce è stata pubblicata in musica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

Una risposta a “Boia d’un mondo”

  1. ludmillarte ha detto:

    grazie! buona giornata

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...