ieri?

i compagni 1963 di mario monicelli
Torino, fine Ottocento. In una fabbrica tessile, l’ennesimo grave incidente spinge gli operai a richiedere migliori condizioni di lavoro. Quando la loro richiesta di ridurre l’orario di lavoro da quattordici a tredici ore viene del tutto ignorata, decidono di compiere un gesto dimostrativo, suonare la sirena di fine turno in anticipo di un’ora, che procura però una multa a tutti e una sospensione a Pautasso, l’autore materiale.

Gli operai organizzano quindi uno sciopero, approfittando dell’esperienza in materia dell’esperto professor Sinigaglia, appena giunto in città proveniente da Genova, ricercato dalla polizia per aggressione ad un pubblico ufficiale durante una manifestazione. I padroni per risolvere la situazione sono disposti a ritirare multa e sospensione e “perdonare” gli operai influenzati da “agitatori di professione”, ma gli operai non possono accettare una concessione così modesta rispetto al livello ormai raggiunto dalla protesta.

Di fronte alla resistenza degli operai, che tengono duro, forti della reciproca solidarietà, i padroni arrivano a chiamare lavoratori disoccupati da un’altra città. Gli scioperanti tentano di bloccare il treno che trasporta i crumiri, ma durante gli scontri Pautasso perde tragicamente la vita. Il prof. Sinigaglia, visti i precedenti, è costretto a nascondersi e trova un accogliente rifugio nella casa della prostituta Niobe, figlia di un operaio che l’ha ripudiata per la sua scelta di vita.

I lavoratori in sciopero, dopo aver resistito un intero mese, sono ormai prossimi a cedere, ignorando di aver portato i padroni sul punto di cedere per primi. Mentre gli operai hanno già votato per la ripresa del lavoro, il prof. Sinigaglia lascia il comodo nascondiglio, rischiando l’arresto per parlare agli operai, giunge trafelato e riesce a riaccendere in loro il desiderio di proseguire la lotta con la sua appassionata retorica, che riecheggia il discorso di Marco Antonio nel Giulio Cesare di Shakespeare. Spinti dalle parole del professore, i lavoratori marciano in corteo verso la fabbrica per occuparla. Ma la cavalleria, chiamata a difendere la fabbrica, spara sulla folla e uccide Omero, uno degli operai più giovani, appena un ragazzino, mentre il prof. Sinigaglia viene infine arrestato.

Gli operai tornano al lavoro, sconfitti. Fra loro il fratello minore del ragazzo ucciso, che ne ha preso il posto. Il prof. Sinigaglia, dal carcere, continua a diffondere le sue idee di progresso sociale, mentre altri lavoratori come Raoul portano avanti la lotta.

corbari di valentino orsini 1970

Nel 1944 un giovane romagnolo, Silvio Corbari, uccide un suo amico fascista, autore di un inutile omicidio politico, e si assume pubblicamente la responsabilità del fatto. Da quel momento, messosi a capo di una banda, Corbari comincia una sorta di guerra personale contro tedeschi e “repubblichini”. Contrario alla lotta organizzata – di qui un insanabile contrasto con un capo partigiano Ulianoff – Corbari con la sua banda (della quale fa parte una donna, Ines, che si è unita a lui abbandonando il marito) tende agguati ai tedeschi, libera ostaggi, assalta convogli. Diventato una figura leggendaria, non s’accontenta più di scontri armati e colpi di mano, ma istituisce addirittura a Tregnano una piccola repubblica, la “zona libera Corbari”, nella quale dà vita a una amministrazione indipendente, distribuisce le terre ai contadini, insatura la libertà. La “zona”, però, ha vita breve: attirato in un tranello, Corbari s’allontana da Tregnano, che viene riconquistata dai fascisti. Mentre molti dei suoi uomini vengono impiccati, egli, benché ferito, si salva e assieme a Ines uccide un agrario, un giornalista, un costruttore edile, responsabili della sua disfatta. La sua sorte, però, è ormai segnata: assalito dai “repubblichini”, in numero preponderante, perde Ines – che si spara alla bocca – e infine, catturato, viene impiccato sulla piazza del paese, insieme ai pochi superstiti della sua banda.

Questa voce è stata pubblicata in polis. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...