7 días en La Habana (2011)

7 días en La Habana di Benicio del Toro, Pablo Trapero, Julio Medem, Elia Suleiman, Gaspar Noé, Juan Carlos Tabio e Laurent Cantet (2011)
Un ritratto di L’Avana nel 2011, raccontata attraverso una composta di sette capitoli lungometraggio diretto da Benicio del Toro, Pablo Trapero, Julio Medem, Elia Suleiman, Gaspar Noé, Juan Carlos Tabio e Laurent Cantet, rispettivamente. Ogni capitolo descrive un giorno della settimana in città e intende esprimere la sua anima e le sue diversi quartieri, atmosfere, generazioni e culture.
L’obiettivo degli amministratori è quello di catturare l’energia e la vitalità che la rendono città unica al mondo L’Avana. Ogni capitolo mostra la vita quotidiana dei vari personaggi durante un giorno feriale. Lontano dai cliché turistici, destinati a riflettere l’anima di questa città attraverso diversi quartieri, atmosfere, generazioni e culture. Rappresentante Luoghi di L’Avana, come Hotel Nacional, il Malecon, ecc. sono lo scenario comune di alcuni dei capitoli.
Cast: Josh Hutcherson, Daniel Brühl, Elia Suleiman, Emir Kusturica, Mirta Ibarra, Natalia Amore, Otello Rensoli, Josh Hutcherson, Emir Kusturica, Daniel Brühl, Elia Suleiman, Otello Rensoli, Mirta Ibarra, Natalia Amore.
—–
All’Avana, battuta dal vento e dal mare dei Caraibi, si muovono i personaggi di sette storie che non si incontreranno mai. Quella di Teddy Atkins, turista americano iscritto alla scuola di cinema che finirà per andare a scuola di vita sul taxi di Angelito. Quella di Emir Kusturica, ebbro di vino e di vita, capitato a l’Avana per ritirare un premio alla carriera e perduto dietro una jam session. Quella di Cecilia, cantante cubana dalla voce suadente che innamora un impresario madrileno e sogna un contratto all’estero. Quella di Elia Suleiman, regista palestinese, che non parla spagnolo ma guarda la realtà dell’Avana, attendendo un appuntamento all’ambasciata di Palestina. Quella di un’adolescente omosessuale mortificata e ‘ravveduta’ da un esorcismo. Quella ancora di Mirta Gutierrez, psicologa che impasta torte e monta uova per sbarcare il lunario. Quella infine di Martha, che vede la Madonna e assolda un intero condominio per costruirle una fontana e celebrarla dentro una domenica cubana.
L’Avana e il suo malecon, un lungomare di dodici chilometri che affronta l’oceano, osservato da case fatiscenti e percorso da vecchie auto colorate. Auto incerte e hotel esagerati e lussuosi lasciati in eredità dagli americani negli anni Cinquanta. La capitale di un’isola a confine tra universi di civiltà distinte, come quella ispanica e quella anglosassone. Un’identità ibrida che dietro al volto decadente mostra bagliori di speranza, diventando il set di un’opera collettiva diretta da Benicio Del Toro, Pablo Trapero, Julio Medem, Elia Suleiman, Gaspar Noé, Juan Carlos Tabío e Laurent Cantet. Sette giorni per sette autori per sette episodi che si confrontano con Cuba, lo stereotipo e il mito. Due argentini, un portoricano, un cubano, un palestinese, un francese e uno spagnolo scendono per le strade disfatte dell’Avana incontrando personaggi-tipo che rappresentano molto spesso un’idea stereotipata di Cuba: quella del sesso, delle spiagge, delle mulatte, del rum, della bellezza.
Se l’episodio dei più è facile e facilmente dimenticabile, più riuscito quello di Del Toro e Trapero, stucchevole quello di Medem e mancato quello Tabío, di indubbio interesse sono i ‘brani’ di Suleiman, Noé e Cantet, che escono dai cliché e tentano il ribaltamento, battendo strade suggestive e marginali. Se Suleiman si mette addirittura in scena, osservando immobile e silente una città difficile e complessa, contraddittoria e adescatrice, che ti abbaglia per non farti capire di più, per non farti trovare più, Noé rivolge lo sguardo alla Cuba arcaica dentro l’episodio più essenziale e rigoroso intorno a un rituale. Una cerimonia barbara e primitiva che strappa i ‘veli sublimatori’ delle religioni per restituirci il carattere genuino e violento di un esorcismo ai danni di un’adolescente colpevole soltanto di amare.
E il Ritual del regista spagnolo dialoga bene con La fuente di Cantet, addentrandosi nell’intricata quanto esuberante selva del sincretismo religioso e culturale cubano. Tra donne e Madonne, Noé e Cantet intuiscono e restituiscono un culto magico-religioso che sposa riti pagani a tradizione cattolica, bestialità a comunanza, centrando il cuore dell’Avana e la sua malinconia quieta.
Le tre stelle sono per loro e il loro spaiato atto d’amore a Cuba. Un atto d’amore per un Paese e un sogno che si sta perdendo dietro le parole recidive e il corpo vuoto di Fidel Castro, rimandato penosamente dalle televisioni di un albergo in cui non si trova l’uscita.
Questa voce è stata pubblicata in video. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...